Autofiorente THC

Fine dei contenuti

Non ci sono più pagine da caricare

CARATTERISTICHE GENERALI SULLE AUTOFIORENTI:

Le varietà di cannabis autofiorente thc  femminilizzate sono relativamente nuove nella scena dei coltivatori. Le prime genetiche automatiche fanno la prima comparsa nel catalogo delle seeds bank a partire dal 2000 anche se i primi esperimenti d’incroci con varietà ruderalis si hanno già dagli anni 70 in Olanda. Le Piante di cannabis autofiorente thc fioriscono quando raggiungono una determinata età. Non importa quanta luce riceveranno, queste piante inizieranno a fiorire automaticamente dopo un certo periodo di tempo, che di solito è di 2-3 settimane.

Questa loro caratteristica l’hanno ereditata dalla Cannabis ruderalis, una particolare varietà di cannabis che, a differenza delle varietà sativa e indica, è autofiorente per natura. Tutte le varietà autofiorenti contengono genetica ruderalis, l’essenza che permette loro di fiorire automaticamente.

Questi semi di cannabis autofiorenti, hanno la caratteristica fondamentale di poter produrre piante che fioriscono da sole dopo 2-4 settimane di crescita. I coltivatori non devono preoccuparsi di cambiare il programma di illuminazione per attivare e mantenere il periodo di fioritura. Inoltre, le auto hanno bisogno di meno tempo per crescere. Alcuni ceppi sono pronti per essere raccolti entro sole 8 settimane dalla germinazione. Inoltre, l’auto è compatta, il che è molto adatto per la crescita indoor. Grazie alla sua praticità, le autofiorenti sono delle varietà di piante molto adatte ai coltivatori alle prime armi (ma non solo, infatti sono amate anche da milioni di coltivatori esperti nel settore cannabis).

DIFFERENZA CON LE FOTOPERIODICHE:

Una pianta di cannabis fotoperiodica fiorirà in base alle ore di luce ricevute durante la giornata. In natura, queste varietà iniziano a fiorire quando le giornate di fine estate iniziano ad accorciarsi. All’interno, i coltivatori fanno fiorire le piante impostando le luci su 12 ore di luce e 12 ore di oscurità. Al contrario, le varietà autofiorenti fioriranno in base all’età, indipendentemente dal periodo di tempo in cui ricevono la luce. Ciò significa che sono varietà “non fotoperiodiche”  Le autofiorenti hanno molte caratteristiche decisamente estremamente importanti:

  • Le piante fioriranno automaticamente dopo 2-4 settimane.
  • Il tempo medio tra la semina e la raccolta è di 10 settimane.
  • Le piante cresceranno piccole ma piene di infiorescenze.
  • Non attireranno troppa attenzione. Sono molto adatti per colture invisibili.
  • È possibile ottenere più raccolti ogni stagione.

AUTOFIORENTI O FOTOPERIODICHE?

Le genetiche migliori competono con le varietà fotoperiodiche femminizzate in termini di potenza, resa e sapore (anche spesso superandoli). Tuttavia, forniscono ancora gli stessi incredibili vantaggi appena menzionati e sono noti per essere particolarmente stabili e potenti. Oggi le auto possono soddisfare anche i consumatori più esigenti. Gli utenti occasionali possono facilmente trovare varietà automatiche ricche di THC, mentre i consumatori generali possono trovare fiori automatici con basso THC ma ricchi di CBD, in modo che possano beneficiare di questo cannabinoide non psicoattivo.

CONSIGLI GENERALI SULLA COLTIVAZIONE:

Per le piante di genetica autofiorente, usa sempre un terreno migliore di quello normalmente utilizzato per la coltivazione di piante di cannabis fotoperiodiche. Se necessario, l’ ariosità e il drenaggio del terreno possono essere leggermente aumentati aggiungendo della semplice perlite.

Per farli crescere forti e sani, tieni il tuo spazio di crescita a una temperatura moderata di 20° C. La temperatura troppo bassa o troppo alta ostacolerà la crescita delle piante. L’umidità perfetta per questo tipo di piante dipende dall’età delle piante. Nelle prime settimane prediligono un ambiente umido. Invece, quando la pianta entrerà nella fase di fioritura sarà necessario abbassare l’ umidità al 45-50% per evitare possibile muffa e parassiti.