I migliori Vasi per coltivare Cannabis e la loro Dimensione ideale

I migliori Vasi per coltivare Cannabis e la loro Dimensione ideale

  • Post author:
  • Post category:notizie
  • Post comments:0 Commenti
  • Reading time:5 mins read

Scegliere i vasi in cui coltivare le proprie piante di cannabis non è semplice, soprattutto per chi è alle prime armi in questo settore. I vari tipi di vasi e la loro dimensione influiranno pesantemente sulla salute delle nostre piantine e sul rendimento finale, sia positivamente che negativamente. Per cui è molto importante questa scelta. Leggi questo articolo per non avere più dubbi e scegliere perfettamente il tipo di vaso da utilizzare per le tue piante di marijuana.

-Contenuto:

  • Vasi Standard
  • Vasi in Tessuto
  • Hempy Bucket
  • Vasi Antispiralizzazione (Air Pot)
  • Le misure ideali dei vasi per le nostre piante di cannabis

Vasi Da Coltivazione Standard

Questi vasi standard, si trattano di vasi comuni i quali possono essere reperibili ovunque e il loro prezzo è molto economico. Questi vasi sono attualmente realizzati in plastica, ma si possono trovare molto facilmente anche modelli classici fatti di argilla. Insieme a questi vasi da coltivazione standard, sarebbe necessario anche acquistare il sottovaso abbinato, il quale viene utilizzato per raccogliere l’acqua in eccesso sotto il vaso. Per quanto riguarda questi tipi di vasi, è di fondamentale importanza che abbiano dei fori di drenaggio sul fondo per evitare che l’acqua ristagni. Non tutti i vasi hanno questi buchi, e talvolta sarà necessario crearli da soli prima di utilizzare i vasi per coltivare le piante. I vasi di terracotta sono più pesanti dei vasi di plastica, ma possono essere anch essi una buona scelta. I vasi fatti in terracotta hanno le caratteristiche naturali di assorbire e trattenere l’acqua in eccesso, che può fornire un effetto rinfrescante, utile per le radici delle piante nella calda estate.

vasi standard per coltivazione di cannabis indoor o outdoor

Vasi in Tessuto

La speciale e fondamentale caratteristica del vaso in tessuto è quella d’impedire che le radici delle piantine di cannabis si aggroviglino tra loro. Inoltre, un altro vantaggio significativo di questi vasi è il ricircolo dell’aria tra le radici, che rende le piante più potenti facendo ricircolare l’aria nelle loro parti principali. L’irrigazione non supererà la quantità di acqua, e non causerà stress o addirittura morte alla pianta di cannabis. Infatti l’acqua in eccesso non rimarrà nel vaso e farà marcire la radice, ma se si tratta di un vaso di stoffa, il l’acqua in eccesso uscirà immediatamente.

Hempy Bucket

La differenza dei Hempy Bucket dai normali vasi per coltivare cannabis è che i fori di drenaggio non si trovano sul fondo, ma a pochi centimetri sopra i fori, il che consente di trattenere una piccola quantità di nutrienti sul fondo del vaso. Rispetto alla coltivazione sul terreno, l’Hempy Bucket deve essere riempito con una miscela di perlite o argilla. Le riserve di nutrienti sul fondo del secchio possono ridurre i tempi d’irrigazione. Poiché l’Hempy Bucket è un metodo di coltivazione idroponica manuale e passivo senza pompa di ossigeno, è necessario assicurarsi che i nutrienti nel vaso da fiori non ristagnino, poiché ciò potrebbe causare problemi alle piante.

Vasi Air Pot (Antispiralizzazione)

I vasi Air Pot hanno la caratteristica di utilizzare lo stesso principio dei vasi in tessuto. In particolare, si tratta di contenitori di plastica con aperture sui lati che possono tagliare autonomamente le radici delle piante. Come con i vasi intelligenti, è necessario annaffiare più frequentemente perché questi vasi asciugano il terreno più velocemente dei vasi tradizionali. Rispetto ai vasi in tessuto, i vasi antispiralizzazione hanno il vantaggio di essere più resistenti e non ribaltarsi. I vasi antispiralizzazione air pot consentono all’acqua di fuoriuscire dalle aperture laterali, permettendo cosi alle radici di respirare molto di più ed evitare di esagerare con l’acqua. I vasi air pot dunque, ci salvano anche da possibile marciume radicale.

Vasi air pot per coltivare marijuana in sicurezza

Le Misure perfette dei Vasi per la Cannabis

Fornire vasi di dimensioni ideali per le piantine di cannabis è un aspetto chiave per garantire una crescita perfetta e ottimizzare il raccolto finale. In effetti, è noto che le piantine di cannabis formano lunghe radici molto dense e piccole piante in vaso possono limitare gravemente la crescita della cannabis. Pertanto, a causa della restrizione sulle radici (a causa di un vaso troppo piccolo), alla fine causerà molte carenze nutritive; e esercitando una pressione inutile sul sistema radicale si ridurrà notevolmente la resa della pianta.

La dimensione perfetta dei vasi per coltivare cannabis dipende in primo luogo dalla varietà di cannabis che scegli di coltivare. Per la genetica fotoperiodica, si consiglia di utilizzare vasi molto grandi, di solito, in buone condizioni ambientali, la loro crescita è molto più grande delle varietà autofiorenti. Pertanto, per le piante di cannabis fotoperiodiche da interni, consigliamo d’iniziare con un vaso di dimensioni piccole da 10 cm, quindi passare a un vaso da 11 litri e infine passare a un vaso da 20 litri; questo approccio sarà diverso all’aperto, all’aperto, leggero Il ciclo sarà aumentare drasticamente, anche di più. È assolutamente necessario un vaso di fiori più grande di 20 litri.

Misure dei vasi per coltivare cannabis

Per le varietà di cannabis autofiorenti che generalmente rimangono molto più piccole delle varietà a fotoperiodo, si consigliano vasi da 11 a 16 litri. Un aspetto fondamentale della cannabis autofiorente è che la decisione di piantarla in vaso è molto pericolosa, perché di solito dopo l’invasatura della pianta a fotoperiodo, il periodo vegetativo viene prolungato di una settimana per consentirle di riprendersi dallo stress. Per i fiori automatici, anche se non c’è il privilegio di decidere quando fiorire, diventeranno più piccoli.

Lascia un commento