Coltivare Canapa in Spagna

coltivare canapa spagna vele cristooforo colombo

La coltivazione della canapa in Spagna come in molti altri paesi europei è stata una delle più grandi industrie del passato. Sopratutto nella produzione di Corde per il settore navale ,contribuendo allo sviluppo della navigazione.

 Per molti anni la fibra di canapa fù il sostegno economico di migliaia di famiglie spagnole; grazie all’eccellente clima e alla fertilità di questo paese europeo. Ma poi con l’avvento della rivoluzione industriale questa coltivazione è stata via via abbandonata; dunque fonte di reddito è stata influenzata dalle modifiche della legge, promossa dagli interessi economici da terzi paesi. Vorresti sapere quanto è importante e può essere la canapa in Spagna ?

Storia Delle Colture di Cannabis In Spagna

La coltivazione di piante di canapa per fibre in Spagna risale a diversi secoli, approssimativamente dal V secolo a.C. Grazie all’eccellente clima di questa terra si è diffusa rapidamente in tutto il territorio la sua coltivazione

Alcune ricerche dimostrano che durante le spedizioni di Cristoforo Colombo in America, le vele e altri componenti delle navi sono realizzati con questo materiale.  A quel tempo nel Medioevo, il regno spagnolo divenne una potenza mondiale, grazie alla canapa.

In sua diffusione coinvolse molte altre regioni tra le quali: Andalusia, Aragona, Galizia, Catalogna o Comunità Valenciana.Ancora oggi puoi visitare il museo della canapa nella città di Callosa del Segura, nella provincia di Alicante, questo dimostra quanto fosse importante la coltivazione di questa pianta in alcune parti della Spagna.

Purtroppo questa diffusione cambia durante gli anni (30 e 40), quando la marijuana è vietata negli Stati Uniti e compaiono le prime fibre sintetiche come ad esempio il nylon. In questo paese durante una guerra portò sterminazione della canapa in tutto il mondo e la Spagna non avrebbe fatto eccezione.

La Spagna appartiene all’Unione Europea, che approva la coltivazione della canapa per uso industriale dal 1999, purché siano rispettate alcune regole. Le aziende spagnole che vogliono coltivare la “pianta” possono anche richiedere sussidi concessi dall’UE e inoltre si ha la possibilità di piantare fino a 25 diverse varietà di semi di canapa.

Il ritorno di questa fantastica pianta

Attualmente sta tornando grazie soprattutto ai componenti medicinali della pianta. La coltivazione delle fibre non è molto redditizia, ma ci sono sempre più prodotti sul mercato che contengono CBD, quindi c’è un rimbalzo in questo settore.

Alcuni anni fa, l’ Associazione spagnola dei produttori e trasformatori di canapa (AEPTC) è stata fondata a Granada (Andalusia) per consentire alle piccole imprese di unire le forze e allo stesso tempo far conoscere un modello unico di sviluppo sostenibile, fornendo consulenza a nuove aziende che vuole entrare in un settore che continua a crescere.

Alcune delle più importanti aziende del settore sono entrate nel mercato medico, direttamente o tramite terzi. Ci sono persino casi come Cafina SL che dopo aver ottenuto la licenza per produrre cannabis medica è stato assorbito dal gigante Canopy Growth dal Canada

Il caso più noto è quello di Alcaliber SL appartenente al gruppo Torreal, che è stato venduto a Linneo Health e ha già raccolto marijuana medica in Spagna. Questa azienda produce morfina e teina, con Bayer come principale cliente e ora coinvolge anche il mercato tedesco della cannabis.

Tuttavia, ci sono ancora aziende che coltivano canapa industriale in Spagna per ottenere semi.  Già si conosce il potere nutrizionale della canapa, ma grazie alla tendenza dei super cibi in questi giorni vengono consumati come mai prima. Tra le piantine più importanti del paese ci sono la cooperativa Galihemp a Lugo, Celulosa de Levante a Tarragona, Agrofibra a Barcellona, ​​Agrosa semillas a Guadalajara e Taller Textil de Triste a Huesca.

Per poter avere la tua piantagione di canapa legale in Spagna, è necessario soddisfare cinque requisiti indispensabili:

  1. Richiedi l’autorizzazione dal tuo consorzio agricolo.
  2. Acquista semi di varietà certificate dall’Unione Europea.
  3. Presentare la certificazione delle sementi all’ufficio regionale agricolo locale, insieme a una relazione sull’uso e la destinazione finale del prodotto.
  4. Registrare la piantagione nel registro generale della produzione agricola, presentando anche la memoria d’uso e la destinazione finale.
  5. Informare in diversi uffici della Guardia Civile e Seprona nell’area

Licenze per la coltivazione della canapa medicinale in Spagna

Nel caso dei produttori spagnoli di canapa per usi medicinali i permessi sono un po ‘più complicati. Le competenze in questo senso vanno dal Ministero dell’Agricoltura al Ministero della Salute e ogni volta che vuoi ottenere CBD o creare prodotti con proprietà medicinali, bisogna avere l’approvazione dell’agenzia spagnola di medicina e prodotti sanitari.

Al giorno d’oggi, non è facile ottenere una licenza per produrre cannabis medica in Spagna, solo il 5% di tutte le domande è stato concesso negli ultimi anni. Speriamo che questo possa cambiare a breve termine, poiché altri paesi stanno regolando il settore e le opportunità commerciali si moltiplicano.

Lascia un commento

Main Menu