Semi di cannabis germogliazione outdoor

Semi di Cannabis che Non Germogliano: Le Cause

Contenuti:

Non esiste nulla di più frustante dell’acquistare dei semi di cannabis che alla fine non germogliano. I semi di marijuana, come ogni seme esistente, per natura sarà destinato alla germogliazione per poi veder nascere e crescere la propria pianta; Nonostante ciò esistono diverse cause che potrebbero sabotare questo processo. Leggi questo articolo per determinare questi motivi ed evitarli per far germogliare al meglio i tuoi semi di cannabis.

Plantula di cannabis germogliata indoor

-Contenuto:

  • Scarsa qualità dei semi
  • Parassiti e insetti
  • Problemi di irrigazione
  • Clima troppo freddo o caldo
  • Muffe e Malattie

QUALITA’ DEI SEMI NON OTTIMALE

Si consiglia prima di tutto, di acquistare i semi di cannabis da una seeds bank affidabile e di prima qualità, come Grace Genetics. Infatti, se i semi saranno di scarsa qualità sarà impossibile concludere la propria coltivazione con una buona quantità di piante, e di conseguenza ricaveremo una quantità e una qualità del raccolto del tutto insoddisfacente. Inoltre, con i semi di bassa qualità ci sarà di conseguenza un basso tasso di germinazione della cannabis, dunque è probabile che non germineranno molto facilmente.

Parassiti che possono attaccare la cannabis

PARASSITI O INSETTI CHE DANNEGGIANO I SEMI

I parassiti più pericolosi per quanto riguarda la coltivazione in outdoor sono i volatili. Infatti, essi tendono a trovare qualsiasi modo per mangiare i tuoi semi di cannabis appena coltivati, distruggendo dunque un intera area di coltivazione di marijuana. Gli insetti e i bruchi sono anche loro molto pericolosi per le coltivazioni all’aperto dato che cercheranno anch’essi di mangiare i tuoi semi.

SOLUZIONE:

La soluzione ideali per evitare che questi insetti e parassiti divorino i tuoi semi appena interrati è quella di farli germinare indoor, per poi spostarli nel terreno finale di coltura outdoor una volta che nelle piantine inizino a crescere le prime foglioline verdi.

Semi di cannabis che germogliano

ECCESSI E CARENZE D’ACQUA

I semi di cannabis possono essere germinati in un bicchiere d’acqua prima di interrarli nel terreno di coltura, questo metodo viene molto utilizzato con lo scopo di ammorbidire il guscio del seme per permettere alla piantina di fuoriuscire molto più facilmente e velocemente. Se germinati direttamente nel terreno invece, con troppa poca acqua avremo il problema che il guscio sarà troppo rigido, e la piantina non riuscirà ad offrire tutto il suo potenziali per rompere il guscio del seme ed iniziare a crescere, di conseguenza questi semi di cannabis non germogliano. Invece, con un eccesso d’acqua avremo già il problema della formazione della muffa, la quale sarà molto pericolosa e che potrà uccidere i nostri semi ancor prima di germinare, oppure far morire le nostre piccole piantine una volta che saranno germogliate.

SOLUZIONE:

Cannabis a temperature troppo basse

Non lasciare mai asciugare il terreno del tutto, altrimenti diventerà troppo secco e arido. Il terreno va innaffiato dopo 2-3 giorni in media, poi dipenderà anche dalle condizioni ambientali della nostra coltivazione. Una cosa è certa, anche l’eccesso d’acqua nel terreno ci darà gravi problemi, dunque irriga soltanto quando il terreno inizia a sembrare asciutto. Se invece è ancora umido aspetta qualche altro giorno.

TEMPERATURE INADEGUATE

Per la germinazione dei semi di cannabis sono necessarie temperature calde, altrimenti esso morirà ancor prima di iniziare il suo ciclo di vita. Nonostante ciò anche le temperature troppo calde estive potrebbero essere nocive per i nostri semi, dunque è consigliato piantare i semi di cannabis nel periodo dell’anno che va dal 1 aprile fino al 30 maggio, a seconda della zona in cui si vive. Nonostante ciò alcuni semi potrebbero decidere di germinare anche con temperature troppo fredde o troppo calde, ma il tasso di germinabilità sarà molto basso e le piantine non cresceranno in salute morendo presto oppure, nel raro caso in cui si arrivi ad un raccolto finale, esso sarà totalmente insoddisfacente.

MUFFE E MALATTIE

I semi possono soffrire di malattie e muffe, proprio come la pianta non appena incomincia la sua crescita entrando finalmente nella fase vegetativa. Se sono attaccati da muffe o malattie, i semi di cannabis non germogliano. Anche i funghi possono essere un problema perché coprono i semi e impedire loro la germogliazione. Le malattie possono uccidere i semi prima di avere l’opportunità di crescere e le muffe possono causare la morte dei semi durante il processo di germinazione della cannabis. Non appena le malattie, le muffe e i funghi compariranno, non potrai fare molto per salvare i semi.

PREVENZIONE:

Muffa che può attaccare la marijuana

Un ottima fase di prevenzione è la maniera ottimale per evitare la comparsa di muffe, malattie e funghi. Un modo per prevenire le malattie dei semi è quello di inserili nel perossido di idrogeno diluito qualche ora prima della semina, questo composto li purificherà e ne garantirà la germinazione se non persiste alcun problema citato in precedenza. Un ulteriore modo per garantire la germinabilità di un seme sarà quello di eliminare la possibilità di generare muffe mantenendo arieggiata larea di coltivazione (ventilatori in indoor) e (scegliere un buon posto arieggiato) in outdoor; inoltre per evitare muffe sarà fondamentale non eccedere con le irrigazioni per evitare di aumentare troppo l’umidità.

I NOSTRI PRODOTTI

🌿The Grace Genetics  Team 🌿

🌿The Grace Genetics Team 🌿

La cannabis oltre a essere il nostro lavoro è anche la nostra passione, per questo ci sforziamo sempre di offrire ai nostri lettori articoli di qualità e sempre aggiornati sulle ultime novità del mondo cannabis

Lascia un commento